L’early morning miracle (secondo me) è una cagata pazzesca!!!

Condividi sui tuoi social:

Onestamente mi sono rotto le palle di guru e pensatori sopraffini dell’early morning che vogliono venire ad insegnarti, anzi no, provano proprio ad importi con tutta una serie di trucchetti da PNLdenoialtri come devi cambiare la tua vita.

Non dico che sia sbagliato assecondare un proprio bisogno di cambiare, che può passare anche attraverso cambiamenti di abitudini ed una modifica al proprio stile di vita, ma questo perchè il bisogno di cambiamento, la fase del challenge con sé stessi, nasce in modo spontaneo da dentro sé stessi.

Quando però l’imbonitore di turno ti vuole spacciare l’assioma del  visto che un certo numero di persone di successo si alzano alle 5 di mattino ne consegue in modo immediatamente (il)logico che se vuoi essere una persona di successo devi alzarti alle 5 di mattino altrimenti resterai uno sfigato a vita.
Equivale a dire che se vuoi una certa dimensione di ‘pisello’, visto che Rocco Siffredi si alza alle 9 di mattina e si mangia 3 uova crude ogni giorno, devi fare altrettanto!!!

Mi stupisco che persone alle quali attribuisco doti di intelligenza anche significative si facciano prendere da queste mode che personalmente ritengo anche abbastanza “controproducenti”, e ne spiego le ragioni.

  1. Il bioritmo è un elemento ‘soggettivo’ ovvero legato a cicli dell’organismo che sono scritti nel DNA di ognuno di noi e condizionato da specifiche ed oggettive condizioni di vita (clima, latitudine, stagione).
  2. Credo che in qualche misura, giusto per fare un esempio, anche solo il passaggio dall’ora solare all’ora legale generi disagi di adattamento in tanti di noi, c’è chi li assorbe prima e chi ne risente per più tempo, ma è innegabile e provato da tanti studi il fattore stressogeno di questi cambiamenti di orario.
  3. I cultori della moda dell’early morning, tutti, chi più e chi meno lamentano un crollo di capacità di attenzione, produttività e quant’altro già a partire dal tardo pomeriggio e c’è chi è in grado di recuperare con 4-5 ore di sonno e chi invece necessita di 8 ore complete di riposo per poter affrontare una nuova giornata a pieno ritmo.
  4. Se avete mai provato durante una vacanza di almeno 2 settimane, e quando dico vacanza intendo ‘staccare la spina al 100%’, lasciare l’orologio nel cassetto e lasciarsi portare dal ritmo naturale della giornata, dormire quando avete sonno, mangiare quando sentite fame, avrete probabilmente notato che gli orari si sono progressivamente disallineati rispetto a quelli convenzionali, assumendo ritmi più confacenti all’organismo, riducendo la sensazione di stress, di affaticamento… e questo spesso senza influire sul numero di ore di sonno che però si sono collocate nell’area fisiologica più idonea all’organismo. Probabilmente in quella condizione avete raggiunto uno stato di massimo benessere.
  5. Se sei ‘gufo’ o ‘allodola’ dipende dalla tua propensione ad avere livelli di attivazione maggiori in specifici momenti della giornata ed in questi avere la possibilità di concentrare al meglio i compiti più gravosi e che richiedono maggiore attenzione, si tratta quindi di migliore gestione del proprio tempo in relazione ai propri cicli circardiani e metabolici. L’alterazione di questi, portata con azioni costrittive esterne, inducono stress e con questo si alzano i livelli di patogenicità dell’organismo, si abbassano le difese immunitarie e via di questo passo.

Per la mia attività personale e professionale ho frequenti cambiamenti di orario e di latitudine lavorativa, ma alla fine il mio bioritmo si riallinea abbastanza velocemente alla mia naturale tendenza ad essere ‘Gufo’, se guardo anche agli anni dell’Università, ed in generale anche nei miei momenti di vacanza, la mia tendenza è avere le 6 ore di sonno tra la mezzanotte e le 7 di mattina. Ma se devo assolvere a compiti concettuali e produttivi che richiedono concentrazione, l’orario tra le 22 e l’1 di notte per me sono i migliori, vengono meno tanti elementi di distrazione, tante interferenze del mondo esterno, non sento la stanchezza non percepisco la necessità di andare a dormire che emerge solo dopo l’una. 

Il Gufo che si sforza di diventare Allodola, ha prima di tutto le palle girate tutto il giorno, prima delle 9 può essere capace di violenza fisica contro chiunque osi pararsi di fronte a lui, ha un calo dell’attenzione da privazione del sonno a metà pomeriggio, un calo della vita relazionale, sociale, persino sessuale negli orari serali, di fatto arriva a sentire la necessità di andare a dormire proprio in quelle ore che per sua naturale predisposizione sarebbero le migliori. Il calo di rendimento complessivo e di produttività, è pauroso, provare per credere! In compenso aumenta lo stress e questo porta a disturbi del carattere.

In realtà l’unico elemento che mi sento di condividere nei consigli dell’approccio “early morning” consiste nel prendersi i giusti tempi alla mattina, che vuole dire, dovendo uscire di casa alle 7,30 alzarsi non più tardi delle 6,30, un ora ad esempio per me è il tempo giusto per non fare tutto di corsa, introducendo elementi stressogeni sin dalle prime ore della mattina, dedicarsi ad una breve attività preferita, che può essere di 15′ di ginnastica, 15′ colazione, 15′ doccia, 15′ una prima rassegna stampa della mattina… è la qualità delle attività che si fanno appena alzati che portano qualità alla vita ed alle capacità cognitive personali e professionali, il successo poi è qualcosa che arriva oppure no anche a condizione di trovarsi nel posto giusto al momento giusto, ma dubito che quel luogo e quell’istante cruciale si trovino in qualsiasi luogo del mondo alle 5 della mattina.

Per il resto fate quel cazzo che vi pare, ma ricordate che chi vi dice che sarete persone di successo solo perchè vi alzate alle 5 di mattino vi sta pigliando per il culo esattamente come Vanna Marchi ed il Mago do Nascimento con la soluzione di acqua e sale grosso… per il resto date qualità al tempo e gestite bene il vostro tempo, attribuendo le giuste priorità ad ogni vostra azione, perchè il tempo è l’unica cosa che una volta passata non potrete più recuperare.